Web Design Trends 2016

Web Design trends per il 2016

Come nel campo della moda, anche i Web Design trends variano ogni anno (e a volte ritornano), ma a differenza di quest’ultima essi sono molto influenzati dai nuovi sviluppi tecnologici. Quali sono dunque i trends di quest’anno 2016 relativamente al Web Design e quindi alla progettazione di nuovi siti web? Cerchiamo di fare un’analisi e vedere l’orientamento che stanno prendendo i migliori web designers al mondo.
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un susseguirsi di diversi web design trends, partendo dall’effetto Parallasse, introdotto negli anni 2012-13, fino a finire al Responsive Web Design dello scorso anno, non dimenticando anche il Flat Design o il Minimalist Design. La tendenza dell’ultimo trienno è quindi verso un design minimalista e molto semplice, ma anticipiamo quali potranno essere le mode del momento che si potranno affermare a breve.

Menu Hamburger: il più forte tra i web design trends

Questo menu è un pulsante a forma di hamburger che rivela un menu nascosto che si apre al click dell’utente. Esso si è già affermato lo scorso anno fra i siti responsive a causa della sua versatilità e ridottissime dimensioni e sta prendendo sempre più il sopravvento anche in configurazioni nelle quali non sono richieste dimensioni ridotte. Infatti spesso ora lo troviamo anche nelle versioni a tutto schermo (desktop) dei nuovi siti, dove i web designers lo utilizzano per nascondere le voci di navigazione in modo da lasciare spazio ad altri elementi come grandi immagini o testo. L’effetto che si ottiene è quello di un sito più pulito ed esteticamente accattivante. Personalmente questo menu mi piace in ambito mobile, ma ho diverse perplessità se utilizzato nelle versioni desktop, perchè potrebbe essere poco intuitivo e nascondere informazioni di navigazione essenziali per l’utente. Quindi da evitare assolutamente su siti e-commerce o di news.

Esempio di Web Design trends 2016: Hamburger Menu
Esempio di Hamburger Menu sul sito Squarespace.com
Il menu hamburger è fra i #webdesign trends del 2016 Condividi il Tweet

Animazioni

Le animazioni sono sempre esistite e quindi non sono niente di nuovo in senso assoluto, ma molte di queste si stanno riaffermando sotto forme differenti e chiedono sempre più spazio. Un esempio sono le animazioni o icone di caricamento (loading): esistono dai primi anni del nuovo millennio per distrarre gli utenti dai tempi di caricamento di un sito, ma oggi sono ritornate prepotentemente anche a causa del continuo crescere del peso delle pagine web. Il sito di Tom Cole Architecture (vedi immagine sotto) mostra in maniera molto elegante questa nuova frontiera di animazioni di caricamento pagina. Le loading animations sono efficaci e possono anche intrattenere il visitatore, ma attenzione a non abusarne anche perchè sappiamo bene che alti tempi di caricamento corrispondono spesso ad alte percentuali di abbandono del sito.
Altra tipologia sono gli hover effects, ovvero pratiche animazioni in Javascript o CSS3 che servono a comunicare interattività all’utente tramite un effetto hover su determinati blocchi o sezioni del sito.

Esempio di Loading Animation
Esempio di Loading Animation. Photo credit: http://tomcolearchitect.com/

La tipografia prenderà il sopravvento: fonts grandi e in grassetto

Mentre in passato molti web designers preferivano non rischiare di avventurarsi nella scelta di un font “non sicuro” a causa dei problemi di visualizzazione con i differenti browsers, oggi la moda è cambiata e la scelta cade sempre più su bei set di caratteri, molto grandi e in grassetto (bold). Per un sito aziendale questa molto probabilmente non è ancora una scelta corretta, ma per tutti gli altri siti va benissimo. Anche l’interlinea aumenta e il classico e “noioso” (per alcuni) colore nero sarà molto spesso sostituito da colori più allegri e vivaci e rivoluzionerà il nostro modo di leggere i contenuti online.

Card Design

Tra i web design trends 2016 non possiamo evitare di parlare del Card Design (o Card UI Design). E’ un approccio di design al quale molti stanno prendendo ispirazione. La stessa Microsoft con i suoi sistemi operativi a partire da Windows 8 e dai telefoni Lumia ha sempre puntato ad un tipo di interfaccia a “mattonelle”. In ambito web design, la Card UI Design consiste nell’organizzare i contenuti in card o cartoline. Pinterest ne è il classico esempio e forse è la piattaforma che ha dato maggior spinta verso questa tipologia di design. Anche siti come Behance o app come GoogleNow fanno uso intenso di questo tipo di Design.
Ad ogni modo le cards rappresentano un ottimo metodo per organizzare i contenuti, renderli mobile friendly e indipendenti dal dispositivo utilizzato.

Esempio di Card Design
Esempio di Card Design: il sito di thenextweb.com

Material Design

Il Material Design fu introdotto per la prima volta da Google durante l’I/O Keynote del 2014. Questa tipologia di design doveva essere utile principalmente per lo sviluppo di App in ambito Android, ma nel tempo si è rivelata molto utile anche per il web fino al punto in cui Google ha deciso di introdourre una versione orientata al web denominata Material Design Lite. Il Material Design sembra essere una normale evoluzione del Flat Design, esso introduce alcuni elementi che non erano presenti in quest’ultimo design come le ombre o gli effetti di animazione. Questo design è molto pulito, moderno e focalizzato principalmente sulla user experience.

Il #materialdesign si afferma fra i web design trends del 2016 Condividi il Tweet

Conclusioni

Abbiamo visto quali sono i web design trends che quest’anno dovrebbero prevalere, ovviamente ne esisteranno altri, ma questi sono gli stili che maggiormente si stanno diffondendo. Ti ricordo sempre che, in ogni caso, prima di seguire la moda dovresti comunque valutare se i trends del momento si adeguano al tuo business. Se infatti seguirai soltanto la moda, nel giro di pochi anni potresti correre il rischio di trovarti con un sito poco utile alla tua attività, per cui molta attenzione va rivolta alla scelta corretta dell’architettura che dovrà avere la tua casa sul web.
Nei commenti a questo articolo presenti nel box qui sotto, se ti fa piacere, potrai proporre altri trends che non ho affrontato ma che secondo la tua opinione avranno un ruolo importante nel 2016. Oppure potrai darci altri utili riferimenti e opinioni in merito ai trends descritti. Io come al solito cercherò di rispondere sempre a tutti!
Durante l’anno cercherò di approfondire questi trends con articoli più dettagliati su ognuno di questi nuovi stili, quindi se sei interessato ti consiglio di iscriverti alla mia newsletter per restare aggiornato sull’argomento. Se hai bisogno di consigli puoi anche contattarmi privatamente attraverso al pagina dei contatti.
Se questo articolo ti è stato utile in qualche modo ti prego di condividerlo così che possa aiutare anche altri utenti sul web.

Informazioni sull’immagine di copertina
Link all’immagine: http://www.giovannifiorenza.com/wp-content/uploads/2016/01/web-design-trends.jpg
Autore: Giovanni Fiorenza
Licenza: CC-BY-SA 4.0
Note: sfondo scaricato da Pixabay

 

Giovanni Fiorenza

Ingegnere Elettronico, amante del mondo digitale e delle nuove tecnologie. I miei interessi principali sono: Web Design, Social Media Marketing, SEO, Joomla, Wordpress, Open Source ed Ecommerce. Appassionato delle grandi aziende tecnologiche quali Google, Microsoft, Apple e alle loro storie di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *